Tu sei qui: Home navigazione Calendario ricorrenze Giugno

Giugno

Calendario delle ricorrenze della Famiglia Salesiana

12 Giugno

Beato Francesco Kesy e compagni

La Famiglia Salesiana ricorda il Beato Francesco Kesy e compagni, martiri. Sono cinque giovani che si trovano accumunati da un unico ideale di fedeltà a Cristo e da una identica formazione nell’oratorio salesiano di Poznan nel quale sono animatori e socialmente impegnati: Franciszek Kesy: Edward Kazmierski, Edward Klinik, Czeslaaw Jozwiak, Jarogniew Wojciechowski. Presi di mira dalla Gestapo sono imprigionati e condannati: Muoiono uccisi a colpi di scure a Dresda il 24 Agosto 1942, dopo aver potuto ricevere, per via clandestina, la Comunione. Giovanni Paolo II li dichiara beati il 13 giugno 1999 insieme ad altri 108 polacchi.

Che felicità è questa andarsene da questo mondo uniti a Cristo!

Sono in grazia di Dio e rinforzato dal Santissimo Corpo del Signore,sono fedele alle mie promesse…Dio mi ha dato tanta pace.

Abbiamo una grande gioia nello stare insieme prima della morte…Non piangete…Mamma, offri il tuo dolore alla Madonna Addolorata, Lei fa guarire il cuore…

Ho ricevuto una straordinaria grazia di Dio, ora ho capito tutta la mia vita..

(Dalle ultime lettere scritte prima della esecuzione)

23 Giugno

cafasso

La Famiglia Salesiana ricorda San Giuseppe Cafasso. Concittadino di Don Bosco, nasce a Castelnuovo d’Asti il 15 Gennaio 1811. Ordinato sacerdote, entra nel Convitto Ecclesiastico di Torino, dove i giovani sacerdoti si preparano al loro ministero e dove rimane fino alla morte.

Fu guida sapiente e confessore illuminato di tanti sacerdoti, conforto umano e cristiano per i carcerati e i condannati a morte. Don Bosco lo ebbe come guida spirituale dal 1841 (appena sacerdote) fino al 1860. Da lui ricevette anche tanto aiuto materiale nelle sue difficoltà. Don Bosco, alla sua morte, lo definisce: modello di vita sacerdotale, consigliere ricercato, consolatore degli infermi, conforto dei morenti, amico di tutti.

Muore a soli 49 anni il 23 Giugno 1860. Pio XII lo proclamò santo il 23 giugno 1947.

Spirito di pazienza, povertà, umiltà, grande amore al ritiro, al lavoro, alle pratiche di religiose, ecco le virtù necessarie per un sacerdote.

Uomo di preghiera deve essere il sacerdote…Il suo maestro è Cristo, non occorre cercare altri maestri.

Con la dolcezza ci renderemo cari agli uomini e rapiremo i cuori sulla terra.

Il sacerdote non abbia altro di mira che la gloria di Dio e la salute delle anime. (Dalle Meditazioni per gli esercizi spirituali al clero)

Azioni sul documento

Centro di spiritualità "La Casetta" Via Don Bosco 19 - 10020 - S.Giovanni di Riva presso Chieri (TO)